Seleziona una pagina

DOCK IN ABSOLUTE

[Re]flekt

AUDITORIUM GAZZOLI, TERNI
GIOVEDÌ 07 MARZO 2024
ORE 21,00

ACQUISTA BIGLIETTI

GIOVEDÌ
07 MARZO 2024

ore 21,00

AUDITORIUM GAZZOLI
TERNI

INTERO € 20,00
RIDOTTO € 17,00

JEAN-PHILIPPE KOCH • pianoforte
DAVID KINTZINGER • basso
VICTOR KRAUS • batteria

     

I Dock In Absolute tornano a Visioninmusica per suonare [Re]flekt, il loro terzo lavoro discografico, che è stato registrato in soli tre giorni, in uno studio della Cam Jazz proprio nel nord della nostra penisola. Un disco che si potrebbe paragonare a un quadro impressionista in cui ogni colore, ogni strumento è evocativo e potente, volto a catturare quel singolo attimo di luce, quella singola nota per la composizione di immagini e melodie che accendono l’emotività di chi guarda e ascolta. Un’emotività travolta dai ritmi cangianti e imprevedibili che caratterizzano il trio lussemburghese e rassicurata, al tempo stesso, da melodici leitmotiv che ritornano e riflettono su sé stessi nel passaggio da una traccia all’altra. La riflessione sulla progressione melodica è guidata dalle andature lievi e decise di Jean-Philippe Koch al pianoforte, mentre Victor Kraus gestisce ritmi e silenzi alla batteria e David Kintziger ci regala indimenticabili linee di basso; soprattutto in Kintsugi – traccia che chiude l’album e da nuova vita ai frammenti emotivi dispersi dai brani precedenti, come nell’antica arte giapponese di restaurare con l’oro i frantumi delle tazze da tè. Esattamente ciò che successe al panorama jazz internazionale con la comparsa del trio nel 2012. 

I Dock In Absolute sono la dimostrazione che il jazz ha una miriade di storie da raccontare. Il loro approccio fresco al genere gli permette di superarne i confini stilistici esplorando il potenziale di nuove dimensioni sonore e ampliando, di conseguenza, anche il pubblico di riferimento. Attraverso l’album omonimo nel 2017, Unlikely (2019) e [Re]flekt (2023), il trio ha delineato il suo inconfondibile sound: energico, incalzante, ricco di colpi di scena e cambi di tono, da selvaggio ad aggraziato, da semplice e sommesso ad arioso e barocco. Un’infinita varietà di cellule melodiche che si alternano su uno sfondo sonoro brillante e mai banale, caratterizzate da un’entropia costante che non lascia mai una variazione melodica a metà.

dockinabsolute.com